la storia delle fate

b78b7acc645dacdc7e89b278c5dc7afd.jpghttp://ilpradisodeglihobby.myblog.it/media/00/01/c1f0fa87bd0b042696f45a5b6c7fbd87.mp3
Dai tempi antichi si narra che le FATE possano prendere svariate forme a seconda dei momenti e dei luoghie non solo anche da chi sta loro inanzi.

Sono fatte di una materia sensibile e fluida da poter essere plasmata in qualsiasi forma,che può dipendere anche dall’incoscio umano.

Nella realtà esse sono splendide sfere pulsanti di vari colori,che rappresentano la natura e quindi a seconda della tipologia,Fate d’aria,acqua,terra e fuoco.

                                    le Fate

Le Fiammelle,che danno origine al fuoco vivono vicino a candele,vulcani,fonti ci calore.la loro trasformazione preferita:la lucertola

Le Ondine,appartenenti all’acqua,le più belle e forticonoscitrici dell’inconscio umano,leggono il pensiero e proteggono le le persone con poteri esoterici.

Le fate appartenenti all’aria sono le più complete ed evolute poichè possiedono le ali(aria),le gambe(la terra),lo scintillio del fuoco e un movimento fluttuante.elle proteggono i creativi,dando loro l’ispirazione.Si trasformano in farfalle o uccelli amano i bambini e collaborano in particolare modo con le fate dell’acqua.

Le più varie sono le fate di terra che appartengono ai fiori,ai mineralie alla roccia.Proteggono la famiglia.1bc1a47109a49595db742a69e49ded66.jpg

                                      

 Dove sono

solo pochi riescono a vederle e solo in particolari notti di luna piena,quando quella luce opalescente e dorata illumina è più probabile avvistare i luoghi fatati.Propio durante queste notti se lasciati trasportare dalle stupende sensazzioni della natura e senza aver timore è possibile vedere nell’oscurità tantissime luci brillansti,scintillanti e scoprirete una danza della luna fatta propio dalle fate.

Avalon,l’isola più magica dove si narra che il mitico Re Artù fu portato ferito a morteper farlo curare da quattro regine delle fate.Ancora oggi si dice che lì nel cuore di una collina incantata giaci in un sonno profondo da cui si sveglierà al tempo per governare i suoi Regni.

gli irlandesi i più credenti alle fate hanno dato nomi alle loro isole magici come:

TIRN AILL(l’altro mondo)

TIRN NAM BEO(la terra della vita)

TIRFO THUINN(la terra sotto le onde)

TIR NANG OG(la terra della gioventù)

TIR TAIRNGIRE(la pianura della felicità)

MAG MELL(la pianura del piacere)

In questi magici luoghi vive l’abbondanza e la felicità,non la siccità,l’inverno e regna sempre la primavera con alberi in frutto,rugiada del mattino prati fioriti ed erba verde.E lo stesso per chi ci vive quindi non esistono malanni o vecchiaia,non si lavora poichè si vive dei frutti degli alberi che ri-nascono in continuazione.0a28529e18afacd4af92eee70c60bfbe.jpg

si dice che alcune di queste isole si manifestino solo di notteo una volta ogni 7 anni.l’unico modo per farle rimanere a galla sia quello di portarvi sopra fuoco e ferro.Accadde a HY BREASIL rimase a galla propio x una freccia infuocata scagliata contro .La descrizione più frequente dell’isola è che sia di forme circolare divisa in due da un fiume.E’ stata trovata su vecchie mappe cartografiche ma le ricerche non sono ancora giunte a buon fine.

Un altra isola avvistata da marinai è GRESHOLM,al largo della costa Gallese,hanno scorto i Verdi Prati dell’Incanto.Ed un’altra ancora narra di una terra sommersa nei fondali di un lago Gallese dove si intravede una città con torri e spalti merlati e hanno udirto il rintocco di una campana.Si dice che la citta era abitata dalle GWRAGEDD ANNWN,fate del lago che a volte sposano mortali.Un tempo ai primi dell’anno in una roccia si apriva una porta che permetteva il passaggio verso l’isoletta in mezzo al lago.Nel bellissimo giardino vissuto dalle splendide fanciulle(le fate),elle rivelavano ai visitatori i meravigliosi segreti incantati e li invitavano a rimanere.Vigeva una legge per coloro mai portare al di là della porta qualsiasi cosa del mondo incantato.Accadde a un ospite che dopo aver colto un fiore tentò di portarlo fuori appena toccato con un pide la terra sveni e il fiore scomparve per magia e quel magico passaggio si chiuse per sempre.

a16b70b8700fbd4cb62d2bf2dc336324.jpg

Ogni uomo e angolo della terra conoscie anche se chiamate in modo diverso le fate e spero che una notte di luna piena io come altre tante persone possa avvistare quella danza alla luna in un bosco ,sulle colline o isole.

In italia si possono trovare sul colle di ROCCASALE vicino all’Aquila o ad ARONA sul lago Maggiore.

b23b15edcc523e1047c6a836a7885283.jpg
la storia delle fateultima modifica: 2007-08-03T11:40:00+00:00da fatadeifiori80
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “la storia delle fate

I commenti sono chiusi.